innovatore delle

Vuoi essere un

Terre di Acaya e Roca?

Vogliamo sperimentare una coprogettazione tra associazioni , stakeholder e advisor locali, mentor di rilievo nazionale e internazionale e ovviamente le “comunità del cambiamento”, ovvero i cittadini delle Terre di Acaya e Roca. 

L’invito è a far parte del working group progettuale e lavorare quindi con un network nazionale e internazionale di esperti e innovatori sociali. Queste figure sono chiamate a partecipare a un percorso di coprogettazione, a partire da una residenza che si terrà tra il 19 e il 29 Agosto 2017 nel Salento, tra i territori di Melendugno, Vernole, Caprarica e Castri.

Il percorso sarà caratterizzato da trasparenza e contaminazione creativa ed ha l’obiettivo di valorizzare le proposte e le informazioni già elaborate in questi anni, vagliare buone pratiche già in essere e definire una visione di sviluppo per l’area, con la finalità di offrire le basi per una visione a cinquant’anni dell’area.

I soggetti promotori della presente call sono le Amministrazioni Comunali di Melendugno, Castri di Lecce, Vernole e Caprarica di Lecce, che parteciperanno al bando in qualità di area urbana, con il comune di Melendugno come capofila. Responsabili del procedimento gli Uffici Tecnici delle amministrazioni coinvolte, supportati dalla consulenza e collaborazione di un ufficio SISUS , entro il quale trovano spazio diverse figure professionali, tra cui architetti, ingegneri, esperti di energie rinnovabili, sociologi di comunità, creativi e comunicatori.

L’Unione dei Comuni delle Terre di Acaya e Roca comprende le amministrazioni locali di Melendugno, Vernole, Castri di Lecce e Caprarica di Lecce e si estende nella parte centrale del Salento, a sud-est del capoluogo leccese.

C’è un filo rosso che collega Melendugno, Caprarica, Castri e Vernole  e che parte dal passato, indietro fino all’epoca delle invasioni turche, della distruzione di Roca e del riversamento della popolazione nell’entroterra, e giunge fino ai giorni nostri. Si tratta di quattro comunità simili ed interconnesse: simili prima di tutto da un punto di vista territoriale, esse infatti occupano un’area prettamente pianeggiante, con ampie zone rurali, molte delle quali messe a coltivazione di ulivi; interconnesse in quanto collegate tra loro da una fitta rete di strade intercomunali e rurali e da un comune tessuto antropologico-culturale.

La scelta di unirsi come area urbana fa sì che questo filo rosso possa dipanarsi anche nel futuro cooperando e  proponendo interventi di riqualificazione ambientale che riescano contemporaneamente a valorizzare le risorse naturali e sociali e l’identità storica e ad intervenire sulle problematiche comuni in modo da avere benefici soprattutto sul medio e lungo termine. Per tale ragione, insieme, le quattro comunità hanno deciso di dotarsi di una Strategia Integrata di Sviluppo Urbano Sostenibile capace di fornire una visione ampia e definita dei prossimi cinquant’anni.

Cosa si intende per Sviluppo Urbano Sostenibile? Un processo di cambiamento entro il quale lo sfruttamento delle risorse, la direzione degli investimenti, l’orientamento dello sviluppo tecnologico ed infrastrutturale ed i cambiamenti istituzionali siano coerenti non solo con le necessità emergenti, ma anche con quelli che si prospettano essere i bisogni futuri della comunità. Nella pianificazione dello sviluppo sostenibile è altresì importante tener conto dei bisogni di tutti, considerando stakeholders del processo anche quei sotto-gruppi della popolazione solitamente marginalizzati e costituendo così uno spazio decisionale entro il quale tutti i cittadini sono chiamati a partecipare.

Il bando è rivolto a innovatori di comunità, ovvero soggetti impegnati in maniera eterogenea sui temi della rigenerazione urbana, della progettazione a scala urbana ed extraurbana e  dello sviluppo del territorio sostenibile, che siano in grado di fornire un contributo determinante per un percorso strategico condiviso destinato allo sviluppo dell’area urbana delle Terre d’Acaya e Roca.

La candidatura può essere presentata da  esperti, ricercatori e figure professionali di qualunque età, operanti sia sul territorio nazionale sia all’estero, individualmente o anche in rappresentanza di gruppi di professionisti . Le figure professionali chiamate a partecipare possono essere architetti, ingegneri, urbanisti, paesaggisti,  esperti e consulenti ambientali, ma anche amministratori e operatori della pubblica amministrazione,  designer, fotografi, economisti, facilitatori, geologi, imprenditori e innovatori sociali, progettisti culturali, sociologici, storici, esperti in progettazione partecipata e altri profili che integrino diverse dimensioni professionali e disciplinari.

I candidati selezionati entreranno a far parte di un team di 8 esperti  che avrà l’opportunità di confrontarsi mediante OST – Oper Space Tecnology con il territorio e le comunità locali; durante questi momenti d’incontro potranno essere messe a confronto una moltitudine di informazioni, necessità, suggerimenti, opinioni su differenti tematiche; terminato il confronto le informazioni ottenute  verranno messe a sistema in maniera sintetica al fine di redigere linee  guida condivise e  strategiche per la progettazione dello sviluppo a medio e lungo termine dell’area urbana interessata.

I candidati possono presentare la propria candidatura, a titolo personale o di rappresentanza di gruppo, unicamente attraverso il sito www.rigeneracayaroca.it , entro e non oltre le ore 12.00 del 12 Agosto 2017.

Le dimensioni dei file non potranno superare rispettivamente i 5 MB.

Le richieste di chiarimento dovranno pervenire entro e non oltre il 9 Agosto 2017.

Tutte le richieste pervenute e le relative risposte verranno comunicate sul sito entro e non oltre il 10 Agosto 2017.

La presentazione del materiale richiesto è la seguente:

  • una manifestazione di interesse (di massimo n.1 facciata A4) verso l’ambito territoriale oggetto di analisi che chiarisca le ragioni del proprio interesse e il contributo che si intende portare alla definizione della proposta di sviluppo. L’elaborato è assolutamente libero nella scelta del linguaggio (scritto, grafico, fotografico, ecc);
  • un proprio curriculum vitae e/o portfolio sintetico dei propri lavori (di massimo n.2 facciate A4)

I candidati selezionati a far parte degli innovatori di comunità avranno l’occasione di potersi confrontare con professionisti di chiara fama nel campo della rigenerazione urbana sostenibile, dell’innovazione comunitaria e del marketing amministrativo.

I candidati selezionati  saranno sollevati dai costi relativi allo svolgimento delle attività nelle quattro località, che saranno a carico dei soggetti banditori.

Avranno a disposizione una struttura residenziale ed il vitto presso strutture convenzionate. Le spese di viaggio saranno a carico del partecipante.

I soggetti banditori si impegnano inoltre a sostenere e motivare eventuali richieste da parte dei professionisti selezionati – presso gli Ordini professionali di provenienza – per l’attribuzione di crediti formativi professionali.

La valutazione delle candidature verrà espressa in base a:

  • capacità e competenze maturate evidenziate dai candidati;
  • portato disciplinare e metodologico e in generale potenzialità di contributo alla definizione della proposta di sviluppo;
  • comprensione del contesto ed eventuale conoscenza dello stesso;
  • motivazioni emerse nella manifestazione di interesse;
  • esperienza in progetti analoghi (co/progettazione, rigenerazione urbana, ecc.).

La selezione verrà svolta in concerto da enti banditori, partner e partner tecnici e si avvarrà del supporto di una commissione giudicatrice composta da un gruppo di esperti di sviluppo locale, recupero di aree abbandonate, attrazione di investimenti, creazione di impresa e innovazione nelle politiche pubbliche.

La commissione è composta dai membri dell’Ufficio SISUS.

Con la presentazione della propria candidatura i candidati si impegnano ad accettare le condizioni definite nel presente bando. I promotori del bando non si assumono la proprietà degli elaborati inviati, il cui invio costituisce affermazione della titolarità d’autore.

I dati dei quali il soggetto banditore entrerà in possesso a seguito del presente avviso verranno trattati nel rispetto del D.Lgs. 196/2003. Ai sensi della legge 241/90 e ss.mm. la struttura amministrativa responsabile dell’adozione del presente avviso.

Invia candidatura

(File PDF - Max 5mb)

(File PDF - Max 5mb)